Diritto Russo Home > Indice articoli di codice tradotti > Codice civile FR. Comodato
Testo originale in russo

CODICE CIVILE DELLA FEDERAZIONE RUSSA

PARTE SECONDA

SEZIONE IV. SINGOLI TIPI DI OBBLIGAZIONI

CAPO 36. COMODATO


Articolo 689. Contratto di comodato

1. Con il contratto di comodato (contratto di prestito) una parte (comodante) si obbliga a consegnare o consegna un bene in uso gratuito temporaneo all'altra parte (comodatario), e quest'ultima si obbliga a restituire lo stesso bene nello stato in cui l'ha ricevuto, tenuto conto del normale consumo, o nello stato previsto dal contratto.

2. Al contratto di comodato si applicano le regole previste dall'articolo 607, dall'articolo 610, punto 1 e punto 2, comma primo, dall'articolo 615, punti 1 e 3, dall'articolo 621, punto 2, e dall'articolo 623, punti 1 e 3, del presente Codice.


Articolo 690. Comodante

1. Il diritto di consegnare un bene in comodato appartiene al suo proprietario e alle altre persone autorizzate dalla legge o dal proprietario.

2. Una organizzazione commerciale non puo' consegnare un bene in comodato ad una persona che sia fondatore, socio, amministratore o membro degli organi di amministrazione o controllo dell'organizzazione.


Articolo 691. Consegna di un bene in comodato

1. Il comodante e' obbligato a consegnare il bene nello stato conforme alle clausole del contratto di comodato e alla sua destinazione.

2. Il bene viene consegnato in comodato con tutte le pertinenze e i documenti relativi (istruzioni per l'uso, passaporto tecnico e simili), se non e' previsto diversamente dal contratto.
Se tali pertinenze e documenti non sono stati consegnati, e senza di essi il bene non puo' essere utilizzato secondo la sua destinazione o il valore del suo utilizzo si riduce in misura significativa per il comodatario, quest'ultimo ha il diritto di chiedere la consegna di tali pertinenze e documenti, oppure la risoluzione del contratto e il risarcimento del danno effettivo subito.


Articolo 692. Conseguenze della mancata consegna del bene in comodato

Se il comodante non consegna il bene al comodatario, quest'ultimo ha il diritto di chiedere la risoluzione del contratto di comodato e il risarcimento del danno effettivo subito.


Articolo 693. Responsabilita' per i difetti del bene consegnato in comodato

1. Il comodante risponde dei difetti del bene, che non ha dichiarato al momento della stipulazione del contratto dolosamente o con colpa grave.
Al momento della scoperta di tali difetti, il comodatario ha il diritto di chiedere, a propria scelta, al comodante l'eliminazione gratuita dei difetti del bene o il rimborso di quanto speso per l'eliminazione dei difetti del bene oppure la risoluzione anticipata del contratto e il risarcimento del danno effettivo subito.

2. Il comodante, informato delle richieste del comodatario o della sua intenzione di eliminare i difetti del bene a spese del comodante, puo' procedere senza indugio alla sostituzione del bene difettoso con un'altro bene analogo, che si trovi nella condizione dovuta.

3. Il comodante non risponde dei difetti del bene, che sono stati da lui dichiarati al momento della stipulazione del contratto o che erano gia' noti al comodatario o che dovevano essere rilevati dal comodatario al momento dell'ispezione del bene o della verifica del suo corretto funzionamento in sede di stipulazione del contratto o di consegna del bene.


Articolo 694. Diritti dei terzi sul bene consegnato in comodato

La consegna di un bene in comodato non costituisce motivo di modifica o estinzione dei diritti dei terzi su tale bene.
Al momento della stipulazione del contratto di comodato, il comodante e' obbligato ad avvertire il comodatario di tutti i diritti dei terzi su tale bene (servitu', pegno e simili). L'inadempimento di tale obbligo attribuisce al comodatario il diritto di chiedere la risoluzione del contratto e il risarcimento del danno effettivo subito.


Articolo 695. Obblighi del comodatario relativi alla conservazione del bene

Il comodatario e' obbligato a conservare in buono stato il bene ricevuto in comodato, provvedendo anche alla manutenzione ordinaria e generale, e a farsi carico delle spese per la sua conservazione, se non e' previsto diversamente dal contratto di comodato.


Articolo 696. Rischio di distruzione accidentale o di danneggiamento accidentale del bene

Il comodatario assume il rischio per la distruzione accidentale o per il danneggiamento accidentale del bene ricevuto in comodato, se il bene e' andato distrutto o si e' danneggiato, perche' il comodatario l'ha utilizzato in modo difforme da quanto previsto dal contratto di comodato o dalla destinazione del bene oppure perche' l'ha consegnato a un terzo senza il consenso del comodante.
Il comodatario assume anche il rischio per la distruzione accidentale o per il danneggiamento accidentale del bene, se, tenuto conto delle circostanze, poteva evitarne la distruzione o il danneggiamento, sacrificando un bene proprio, ma ha preferito salvare il bene proprio.


Articolo 697. Responsabilita' per il danno prodotto a un terzo, in conseguenza dell'utilizzo del bene

Il comodante risponde del danno prodotto a un terzo, in conseguenza dell'utilizzo del bene, se non prova che il danno e' stato provocato dal dolo o dalla colpa grave del comodatario o della persona che, con il consenso del comodante, era in possesso del bene.


Articolo 698. Risoluzione anticipata del contratto di comodato

1. Il comodante ha il diritto di chiedere la risoluzione anticipata del contratto di comodato, se il comodatario:

utilizza il bene in modo difforme da quanto previsto dal contratto o dalla destinazione del bene;

non adempie agli obblighi relativi al mantenimento del bene in buono stato e alla sua conservazione;

peggiora notevolmente lo stato del bene;

ha consegnato il bene a un terzo, senza il consenso del comodante.

2. Il comodatario ha il diritto di richiedere la risoluzione anticipata del contratto di comodato:

in caso di rilevazione di difetti che rendono impossibile o gravoso l'utilizzo normale del bene ed il comodatario non conosceva e non poteva conoscere questi difetti al momento della stipulazione del contratto;

se, per circostanze di cui il comodatario non e' responsabile, il bene si trova in uno stato inidoneo per il suo utilizzo;

se al momento della stipulazione del contratto il comodante non ha avvertito il comodatario dei diritti di terzi sul bene consegnato;

in caso di inadempimento, da parte del comodante, dell'obbligo di consegnare il bene o le pertinenze e i documenti relativi.


Articolo 699. Recesso dal contratto di comodato

1. Ognuna delle parti ha il diritto di recedere in ogni momento dal contratto di comodato, stipulato senza la determinazione del termine, dandone comunicazione alla controparte un mese prima, se il contratto non prevede altro termine per la comunicazione.

2. Se non e' previsto diversamente dal contratto, il comodatario ha il diritto di recedere in ogni momento dal contratto, stipulato con la determinazione del termine, con le modalita' previste dal punto 1 del presente articolo.


Articolo 700. Sostituzione delle parti nel contratto di comodato

1. Il comodante ha il diritto di alienare il bene o di darlo in uso a titolo oneroso a un terzo. In questo caso, al nuovo proprietario o utilizzatore del bene si trasmettono i diritti relativi al contratto di comodato concluso in precedenza, e i suoi diritti sul bene saranno limitati dai diritti del comodatario.

2. In caso di morte del cittadino-comodante oppure di riorganizzazione o liquidazione di una persona giuridica comodante, i diritti e gli obblighi del comodante, relativi al contratto di comodato, si trasmettono all'erede (avente causa) o ad altra persona cui sia stato trasferito il diritto di proprieta' sul bene o altro diritto in base al quale il bene e' stato dato in comodato.
In caso di riorganizzazione di una persona giuridica comodataria, i suoi diritti e obblighi relativi al contratto si trasmettono alla persona giuridica che risulta essere suo avente causa, se non e' previsto diversamente dal contratto.


Articolo 701. Estinzione del contratto di comodato

Il contratto di comodato si estingue in caso di morte del cittadino-comodatario o di liquidazione della persona giuridica comodataria, se non e' previsto diversamente dal contratto.


Indice articoli di codice


Home - Mappa

www.dirittorusso.it a cura di Corrado Damiano